Pancia gonfia: Cosa e come mangiare

Pancia gonfia cosa mangiare

La pancia gonfia è un problema molto diffuso, soprattutto tra le donne. Spesso il peso è regolare ma la pancia risulta gonfia e di conseguenza rovina la silhouette. La pancia gonfia inoltre provoca dolori, fastidi, stipsi o diarrea.

I fattori che fanno gonfiare la pancia sono sostanzialmente due: l’aria ingerita durante i pasti o un’alterazione della flora batterica intestinale.

Spesso mangiamo troppo in fretta, parliamo durante i pasti o beviamo lasciando uno spazio fra liquidi e labbro superiore, tutti comportamenti che tendono a far ingerire aria assieme al cibo e gonfiano la pancia.

Un secondo problema è legato a una disbiosi intestinale cioè un’alterazione della flora batterica che vive nell’intestino e regola le attività digestive. Se alcune specie batteriche prevalgono su altre, può aumentare la fermentazione con la produzione di gas intestinali che fanno gonfiare la pancia e causano fastidiosi disturbi. La disbiosi può essere causata da una errata alimentazione, troppo ricca di lieviti e lattosio. Limitare l’uso di pane, pizza, birra, aceto e latte può ripristinare un corretto equilibrio della flora batterica intestinale.

Rimedi alimentari per la pancia gonfia

Se si soffre di gonfiori alla pancia e allo stomaco quindi è bene provare per un paio di mesi una dieta priva di lieviti e latticini, dopo un paio di settimane si vedrà un miglioramento. Se si teme un calo di calcio con l’eliminazione dei latticini, bisogna compensare con altri alimenti che ne contengono in quantità come: noci e mandorle, salmone, sardine, semi di sesamo e di tahin, cavoli, cime di rapa, prezzemolo.

Anche la frutta può causare problemi di rigonfiamento, quindi è bene consumarla solo al mattino, perché dopo le 13 è più facile che fermenti facendo gonfiare la pancia.

La verdura cruda andrebbe mangiata all’inizio del pasto, mentre quella cotta alla fine, sia per questioni di fermentazione sia per abbassare l’indice glicemico dei cibi consumati, cioè per limitare l’aumento di zuccheri nel sangue dopo i pasti, che a lungo andare può causare la comparsa di resistenze all’insulina (l’ormone che regola gli zuccheri nel sangue) e favorire l’invecchiamento.

I dolci andrebbero consumati solo a colazione, entro le 10 del mattino, perché altrimenti fermentano e provocano danni al metabolismo.

Attività fisica per la pancia gonfia

Per far tornare la pancia piatta serve tantissimo anche l’attività fisica. Muovendosi, infatti, si aumenta il tono dei muscoli addominali evitando di sommare ai gonfiori anche i chili di troppo sul giro vita. Il moto, inoltre, favorisce una regolare attività intestinale, limitando il rischio di disbiosi e di stitichezza.

In genere le attività aerobiche aiutano a mantenere in forma rafforzando addominali e migliorando l’attività intestinale. Vanno bene nuovo, bici, corsa o ballo due o tre volte a settimana, ma anche semplici passeggiate nel verde di 40/45 minuti al giorno.

Per tonificare vanno benissimo i corsi di Pilates o Gag (gambe, addome, glutei) che aiutano ad aver addominali più tonici e pancia piatta.

Pubblicità

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*