Dove acquistare hosting e domini al miglior prezzo

Web Hosting

Avete deciso di aprire un sito web o meglio ancora un blog? Molto bene, come primo passo per iniziare quest’avventura dobbiamo selezionare dei fornitori per quanto riguarda l’infrastruttura tecnologica. Lo sviluppo dei vari siti verrà effettuato direttamente da noi mentre per quanto riguarda Hosting e domini ci appoggeremo parzialmente all’esterno. La necessità primaria è la registrazione di domini e degli account di hosting.

Sulla scelta influiranno vari fattori, sicuramente, almeno all’inizio, vogliamo tenere i costi sotto controllo senza comunque rinunciare ad un livello di affidabilità accettabile. All’inizio di ogni business è normale trovarsi a sostenere spese superiori all’entrata … questo fa parte del rischio d’impresa e se si vuole lavorare seriamente per guadagnare con Internet bisogna accettare questo rischio, senza ovviamente renderlo eccessivo.

Registrazione Domini

Per i domini la scelta è relativamente facile. Qui l’affidabilità del servizio è pressoché irrilevante, una volta che il dominio è registrato non potranno fare troppi danni ! La scelta è ricaduta su due aziende, una cinese/americana ed una italiana. Per i domini .com .org .net e .info ci appoggeremo a OnlineNic. Personalmente li odio, la loro interfaccia di gestione non è delle migliori e capita spesso che abbiano momenti di down in cui non si riescono a registrare dei domini. Tuttavia abbiamo già un account platinum con loro, il ché ci consente di registrare i domini a 6.69$ ed i .org in offerta a 3.99$, considerando il cambio attuale euro/dollaro è una buona offerta.

Per i domini .it invece ci affideremo a Tophost. 5.99 € per i domini italiani ci pare decisamente un’ottima offerta.

Hosting

Qui il discorso si complica. Il fornitore di Hosting è sicuramente più strategico ed è fondamentale che garantisca una buona affidabilità ed un supporto tecnico reattivo. In un’ottica di lungo periodo abbiamo deciso di selezionare tre fornitori di diversa qualità su cui andremo a ripartire i siti in base alla loro importanza.

Lo scalino più basso del podio spetta a TopHost. Sicuramente non puntano sulla qualità ma offrono comunque un livello minimo di servizio accettabile per siti di minore importanza e basso traffico che andremo a realizzare principalmente per ottimizzare il posizionamento sui motori di ricerca. Il prezzo è esiguo: 8,99 € l’anno comprensivi di dominio.

Secondo classificato è un provider americano: BlueHost. Quest’azienda ha vinto diversi premi da riviste specializzate e per la modica cifra di 7.95$ al mese ci offre 50 GB di spazio web, PHPMySql e quant’altro, la registrazione di un dominio più la possibilità di ospitarne altri 5 e, ciliegina sulla torta, 999 Gb di traffico mensile. Al momento ci troviamo decisamente bene con loro e ci piazzeremo i siti di grandezza media, principalmente quelli in inglese orientati al mercato americano. Offrendo BlueHost connettività USA i tempi di risposta dei siti saranno sicuramente migliori per gli utenti americani che per gli italiani.

E veniamo infine al fornitore scelto per i siti più grandi ed importanti: Seflow. Considerato che in questo caso ci servirà molta banda e potenza di calcolo con Seflow opteremo per un server dedicato Linux i cui prezzi partono da 99 € al mese. Seflow offre un’ottima connettività, la server farm è infatti situata all’interno di Inet, e soprattutto nessun limite di traffico mensile: 10 Mbit flat. Un’offerta veramente unica in Italia che, unita ad un supporto tecnico di altissima qualità, garantisce livelli di servizio veramente elevati.

Altri Servizi

Sicuramente nel corso del tempo avremo bisogno di altri servizi, al momento è presto per sapere esattamente cosa ci servirà quindi rimandiamo questa discussione al futuro. Per quanto una buona pianificazione sia indispensabile è anche eccessivo preoccuparsi fin da subito di ogni singolo problema o esigenza che potrà verificarsi più avanti, la cosa più importante è rimboccarsi le mani e far partire i siti web per poter iniziare al più presto a guadagnare con Internet e avere quindi più risorse economiche da investire in servizi aggiuntivi.

Pubblicità

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*